8 Marzo

La Storia (dal Web)

 

Spesso l’8 marzo viene considerato come  “il giorno della mimosa”,

delle cene con le amiche, senza mariti e senza compagni, dimenticando la strada che ci ha condotto

a questa data indicandola come il simbolo dell’emancipazione femminile.

Voglio dimenticare per un attimo la storia di questa giornata come ci viene proposta dai Media Commerciali

 e ricordare il suo percorso  iniziato nel secolo scorso..

 

Nel 1857 alcune lavoratrici di una fabbrica protestarono organizzando uno sciopero contro le misere paghe 

e per  le pessime condizioni lavorative

Lo sciopero proseguì per diverse giornate ma fu proprio l'8 Marzo che la

proprietà dell'azienda bloccò le uscite della fabbrica, impedendo alle operaie di

uscire dalla stessa.
Un incendio ferì mortalmente 129 operaie, tra cui anche delle italiane, donne che

cercavano semplicemente di migliorare la propria qualità del lavoro.

Due anni dopo si riunirono in sindacati con il fine di migliorare le condizioni

 in cui erano costrette a lavorare..

Nel 1911, in Austria, Danimarca, Germania e Svizzera

si pensò di dedicare una giornata alle donne per ottenere il diritto al voto e per la fine della discriminazione sessuale nel lavoro.

Il 25 marzo dello stesso anno 129 donne morirono in una fabbrica a

causa di un incendio dovuto alla mancanza di sicurezza nel luogo di lavoro..

Tra di loro vi erano molte immigrate (anche italiane) che cercavano solo di migliorare la propria condizione di vita.

L'anno ufficiale in Italia della prima giornata della Donna è stato il 1946, infatti

Il 2 giugno 1946 le donne italiane poterono, per la prima volta nella storia, recarsi alle urne e votare per la nascita della Repubblica

Nel dicembre del 1977 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite

proclama l’otto marzo come

Festa Internazionale della Donna.